mediopadana

mediopadana
Il progetto dell’architetto Santiago Calatrava – autore anche dei 3 ponti di scavalcamento dell’autostrada – è l’elemento identificativo della città e la localizzazione strategica ne enfatizza il ruolo di “stazione porta”, fondamentale per il sistema della mobilità regionale, nazionale ed internazionale.

La nuova stazione è una struttura in acciaio che copre la linea AV, le banchine su cui sbarcano i passeggeri e lo spazio delle risalite che conducono al piano terra.

Reggio Emilia AV Mediopadana è articolata su due livelli: quello inferiore, a cui si accede dall’esterno, ospita i servizi di stazione; quello superiore i binari. I livelli sono collegati da 2 scale mobili, una per lato, e, nella zona centrale, da 2 ascensori panoramici. La copertura è composta da una successione ripetuta di 13 portali che si alternano generando una successione di 457 onde in movimento.

A seconda della prospettiva le onde si alternano in fase o in opposizione di fase, formando un fronte quieto e uno più mosso. Di notte, l’illuminazione interna sottolinea l’andamento sinuoso presentando la struttura come una lanterna. La copertura delle banchine laterali è in vetro stratificato, installato tra i portali di acciaio distanti tra loro un metro.

Reggio Emilia AV Mediopadana è un nodo di scambio intermodale importante, grazie all’interconnessione con le linee ferroviarie locali e regionali, facilmente accessibile anche al traffico su gomma, stradale e autostradale.

La collocazione strategica della stazione AV coinvolge un bacino potenziale di 2 milioni di clienti delle province di Reggio Emilia, Parma, Modena e Mantova. Il casello autostradale Reggio Emilia dell’A1 è a soli 2 chilometri. Alla nuova infrastruttura ferroviaria è connessa una delle fermate della metropolitana di superficie Reggio – Bagnolo, attualmente in fase di ultimazione, che permette ai viaggiatori di raggiungere Reggio Emilia AV Mediopadana in pochi minuti. Anche la rete stradale locale converge verso la Mediopadana con le principali arterie: la tangenziale e via Morandi; l’asse attrezzato Reggio Emilia – Bagnolo da Nord; via Gramsci dal centro.

[ fonte: fsitaliane.it ]